Il nostro Cocoa Farming Program

Con il nostro progetto sosteniamo agricoltori in Ecuador e Costa d’Avorio.

Scorri
Il nostro Cocoa Farming Program

Il nostro impegno per il cacao

Fieri dell’importanza che riveste il Cioccolato nelle nostre specialità, abbiamo messo a punto il Cocoa Farming Program, strategia sostenibile che ci consente di offrirti il meglio nel pieno rispetto delle risorse del pianeta, degli agricoltori locali e delle loro famiglie.

Cremkakao Vai al prodotto

La Costa d’Avorio e l’Ecuador sono le terre che abbiamo scelto per reperire il cacao. Diverse per morfologia, clima e costumi sociali, forniscono due differenti varietà di fave, entrambe essenziali per creare le ricche sfumature dei nostri cioccolati. Siamo personalmente presenti sul campo ben quattro volte l’anno (due in Costa d’Avorio e due in Ecuador), in occasione dei raccolti. Lì supervisioniamo le fasi di selezione e controllo qualità, affianchiamo le cooperative locali e le piccole comunità di agricoltori, che ritroviamo con piacere raccolto dopo raccolto.

La quantità di materia prima che acquistiamo, piuttosto contenuta, ci permette di dedicarci alle singole comunità e controllare da vicino ogni fase, costruire rapporti autentici che si rinnovano.

Dove nasce il nostro tesoro

Il nostro Cocoa Farming Program ci fornisce fave dalla Costa d’Avorio e dall’Ecuador, dalle cui differenze si originano le meravigliose sfumature dei nostri cioccolati.

Costa d’Avorio

Il cacao nativo ivoriano proviene dalle profondità della foresta, è scuro, il suo gusto è forte e vagamente terroso, impregnato dell’aroma della corteccia.

Loacker si appoggia alla fondazione FarmStrong Foundation, una realtà che si muove nella piena convinzione che gli agricoltori siano la pietra angolare delle economie rurali responsabili e dei sistemi di produzione agricola sostenibili. Farmstrong ha selezionato per Loacker coltivatori nei villaggi di Loviguié, Oress-Krobou, Dingbé e Ottopé e una cooperativa che svolge anche attività di microcredito e si occupa, in ultima analisi, anche della certificazione di qualità finale.

Desiderose di migliorare la propria condizione, le donne ivoriane hanno tempo da dedicare all’apprendimento delle tecniche agronomiche e sono propense a lavorare in comunità. Oggi sanno molto di più della coltivazione del cacao: come tenere pulita la pianta, quando potarla così da evitarne la crescita eccessiva che renderebbe complessa la raccolta delle cabosse, come utilizzare le foglie di banano in modo corretto e come evitare l’ammuffito grazie alla rotazione manuale dei semi. In Costa d’Avorio, Loacker promuove il rinnovo dei vecchi impianti, difficili da raggiungere senza machete perché immersi nella giungla, e la costruzione di impianti nuovi.

Ecuador

Il cacao ecuadoregno, detto anche “fine flavor” è nobile. Il suo aroma è floreale, il bouquet è soffice e fruttato, da intenditori. Riconosciuto dalla ICCO, era già noto ai Maya.

L’Ecuador è attualmente il terzo Paese produttore di cacao con il 7% della produzione totale mondiale (ICCO, 2019). La fermentazione ecuadoregna delle fave è una delle migliori del mondo, e la qualità del cacao prodotto è molto alta, per questo viene definito “fine flavor”.

Loacker, in Ecuador, ha scelto di appoggiarsi a Maquita, cooperativa che da tempo collabora con Altromercato: vogliamo dare ai coltivatori un’opportunità di commercio sostenibile. Altromercato e Maquita sono organizzazioni animate dal rispetto dei diritti umani che promuovono l’associatività, la produzione sostenibile e il commercio equo, allo scopo di migliorare la qualità della vita delle famiglie vulnerabili. Con Maquita e Altromercato, Loacker ha attivato un progetto nella provincia di Manabì.

Fasi di lavorazione del cioccolato

Ecco i passaggi che, partendo dall’inizio, portano ai semilavorati (massa, polvere, burro di cacao):

Sostenibilità

Ci assumiamo la responsabilità per le persone, per l’ambiente e per la nostra qualità.

Scopri di più

Ecco a voi i nostri cioccolati…